Come puoi PREVENIRE il sanguinamento delle tue gengive quando ti lavi i denti

Le gengive sane non sanguinano, quindi non è normale vedere del sangue quando ti lavi i denti o usi il filo interdentale. Potrebbe essere infatti uno dei primi segnali di disturbo gengivale. Ricordati di parlare con il dentista se ti capita di vedere del sangue quando ti lavi i denti.

Sono numerose le possibili cause legate al sanguinamento delle gengive: non corrette abitudini di igiene orale, lavarsi i denti troppo spesso, troppo energicamente o non abbastanza, o l’assunzione di determinati medicinali. Spesso, tuttavia, il sanguinamento delle gengive può essere provocato dall’accumulo di placca batterica sulle superfici dei denti e negli spazi interdentali. A meno che non vengano rimossi (di solito con lo spazzolino) questi batteri possono irritare le gengive, causando il sanguinamento gengivale.

Ecco sei semplici gesti che puoi inserire nelle tue abitudini di igiene orale quotidiana per ridurre il rischio di sanguinamento gengivale:

1. Due volte per due minuti

L’uso dello spazzolino aiuta a rimuovere la placca batterica e i residui di cibo che, se lasciati sui denti e negli spazi interdentali, possono irritare le gengive e portare a problemi come la gengivite. Lavati i denti per due minuti due volte al giorno, meglio se usando un dentifricio al fluoro specifico per le gengive delicate.

2. Non trascurare nessuna zona

Assicurati di pulire ogni angolo della bocca ogni volta che ti lavi i denti, comprese le zone difficili da raggiungere come quelle fra i denti. Esegui uno spazzolamento metodico nella bocca, agendo sulle superfici interne ed esterne di tutti i denti (superiori e inferiori) oltre che sulle superfici per la masticazione. Puoi anche chiedere al tuo dentista qual è il modo migliore di lavarsi i denti.

3. Sii delicato

Quando si effettua una pulizia dei denti, è meglio non agire con forza. Infatti, uno spazzolamento energico o eccessivo, o l’uso di uno spazzolino usurato, può danneggiare lo smalto dei denti o le gengive, quindi spazzolateli con cautela. Si raccomanda inoltre di sostituire lo spazzolino ogni tre mesi.

4. Sii preciso

Effettua un movimento circolare o ellittico e inclina lo spazzolino verso il basso con un angolo di 45° con le gengive. In questo modo si agevola la pulizia del bordo gengivale (il punto in cui la gengiva incontra il dente). Per le superfici interne dei denti, inclina lo spazzolino verticalmente e usa la parte anteriore per movimenti brevi e circolari.

5. Non dimenticarti del BORDO gengivale

Il bordo gengivale può essere sensibile all’accumulo di placca batterica dannosa. Fai particolare attenzione a rimuovere la placca da quest’area oltre che dagli spazi interdentali: insieme all’uso regolare del filo o di spazzolini interdentali, può aiutarti a controllare l’accumulo della placca.

6. E non dimenticarti della lingua

Una buona igiene orale non riguarda solo i denti e le gengive. Anche spazzolare delicatamente la lingua può aiutare a rinfrescare l’alito e a pulire la bocca rimuovendo i batteri.